Barilla Favino
0

E’ un attore. E si chiama Pierfrancesco Favino.

Avrei preferito che Barilla mi dicesse proprio così, come nel titolo di questo post.

Sarò breve:

Dietro il nuovo spot c’è Gabriele Salvatores e l’attore principale è Pierfrancesco Favino, “saranno storie semplici e quotidiane attraverso le quali vengono evidenziate le caratteristiche del nuovo prodotto.” (per approfondire leggi qui) ma perchè non provare a dare una scossa al sistema utilizzando le storie dei veri autotrasportatori? Perché non costruire un racconto genuino, vero? Un autotrasportatore che si fa ospitare dalle casalinghe italiane, regala loro la nuova pasta e se la fa cucinare…pareva brutto?

Personalmente non voglio più scendere a compromessi: se una azienda decide di raccontare utilizzando le sue persone, i suoi ambienti, i suoi strumenti deve mettersi nel contesto di ‘verità’: ne possiamo sentire i profumi, gli odori, ne possiamo vedere le macchie d’olio e di sugo. Una verità che suda, di cui si sente l’accento, l’inflessione dialettale.

In alternativa mi dichiara che è una fiction…e ci può stare, mi può anche piacere l’idea. Ma, a mio parere, il coinvolgimento cambia. Nel caso di Barilla, ad esempio, l’idea non mi sarebbe piaciuta comunque…

Lascio la palla a voi e aggiungo solo i passaggi di Poltrone&Sofà:

  1. Ferilli
  2. Ferilli + attore che interpreta l’Artigiano della Qualità
  3. Artigiano della Qualità vero! (guardate qui)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *